fbpx

Fiore del Risveglio

Eravamo persone Libere prima? Rileggo la mia vita e la trasformo.

Solo nei film o nei libri di storia abbiamo respirato queste sensazioni tragiche e dolorose, tra guerre ed epidemie. Molti di noi sono chiusi in casa e giorno dopo giorno stiamo cambiando con fatica le nostre abitudini giornaliere e settimanali.

Ma questo cambiamento e questo dolore dove ci porteranno?

Stiamo vivendo un periodo angosciante, non solo per la mancanza di libertà, ma per il timore di stare male,  la preoccupazione per le altre persone, il dubbio su quando ritorneremo alla normalità. Sentiamo il dolore di tanti fratelli e sorelle che hanno perso in loro cari.

Questa è solo una faccia della medaglia, cosa si nasconde di positivo dietro questo dramma?

L’Italia in questo momento si divide, da un lato i professionisti del settore sanitario e di altri settori strategici che stanno lavorando il triplo e con enormi difficoltà, dall’altro lato milioni di persone che sono a casa vedendo il proprio tempo libero aumentato.

Per chi di noi è a casa, stiamo riconsiderando la vita casalinga, l’abitazione che abbiamo scelto. Ma quanto è bello il nostro giardino in primavera, il panorama dal terrazzo, la creatività della cucina e anche la morbidezza del letto e il piacere di un bagno caldo?

Stiamo dando più ascolto ed attenzioni ai nostri figli e a noi stessi.

I bambini sembrano essere i più felici di tutti in questa situazione, insieme ai loro genitori. Stiamo iniziando a dare più ascolto anche a noi stessi. Il silenzio, il tempo e la lentezza infatti portano in sè una voglia innata di dedicarci a ciò che ci “accende” l’anima, che ci rende più sorridenti e più liberi.

C’è di tira fuori i pennelli, chi la chitarra o il pianoforte. C’è di spolvera la libreria per scegliere, finalmente, un nuovo libro da leggere

Chi fa pulizia della vecchia roba in cantina o in sgabuzzino, facendo spazio al nuovo che arriva.  Ma cosa sta arrivando di nuovo?

Eravamo felici prima del coronavirus? Era la vita che sognavamo?

O facevamo finta che tutto andasse bene? Eravamo noi stessi o un surrogato impostoci dalla società? Forse, non avevamo nemmeno il tempo per porci queste domande.

Ecco cosa sta arrivando. La risposta a questi quesiti!

Sta arrivando il cambiamento più grande e importante degli ultimi decenni.

Alcuni di noi stanno iniziando già ora ad intravedere l’occasione. Forse qualcuno non ricorda nemmeno bene come facesse a mantenere il frenetico ritmo di vita di sole poche settimane fa, qualcun altro si chiede come potrà tornare allo stesso ritmo? E forse si risponde, già, non potrò?!!

E’ tempo di riconsiderare, rivisitare e rileggere la propria vita, oserei dire la propria esistenza. Ma come?

Osservando i nuovi pensieri di questo periodo, le nuove emozioni, le nuove intuizioni e i nuovi ragionamenti. Sono in linea con la vita che conducevamo? Concediamoci ora un pò di tempo per rifletterci.

Personalmente, vi dirò come mi sento io. Sento di essere un “essere” libero, prima di tutto.

Una persona che può decidere se restare o andare. Posso scegliere e condurre la prossima parte della mia vita senza che mi scivoli via. Si, posso prendere una nuova scelta in base alle mie nuove priorità. E’ pazzesco ma è vero, è così, posso cambiare le mie abitudini, posso cambiare orari, alimentazione, relazioni, passioni e anche il lavoro.

Si, certo, è possibile cambiare anche il lavoro, se non è ciò che ci soddisfa. Certamente cambiare non è facile, porta destabilizzazione, ma adesso abbiamo una nuova consapevolezza e possiamo comparare la perdita di ciò che lasciamo alle spalle e l’arricchimento di ciò che andremo a ricevere.

Possiamo controllare se giù in cantina, abbiamo ancora quella cassettiera che tanto amavamo da bambini e un cassetto in particolare, quello in cui custodiamo i nostri sogni.

Ma che meraviglia, allora non è solo un modo di dire? No! Possiamo tirare fuori i sogni dal cassetto!? Si!

Ma quanti anni ho? Quanti anni sono passati? Ci rendiamo conto che la vita scivola via. Cosa conta veramente per noi?

Abbiamo una grande libertà di fronte a noi. Abbiamo qualche desiderio da realizzare per caso?

Ci domandiamo a questo punto, ma il coronavirus ci ha tolto la libertà o ce la sta restituendo?

Noi siamo persone libere e dotate di risorse incredibili, ed ecco quindi che possiamo, in questo tragico periodo storico di Coronavirus, trasformare la tragedia in un momento prezioso. Trasformare noi stessi da prigionieri a persone libere.

E’ il momento di mettersi in gioco, di alzare la testa. Ma come fare?

Accogliete e affrontate serenamente l’ansia del nuovo e del cambiamento! Tentate di usare la volontà dinamica e di ascoltare l’intuizione. Potete vedere con nuovi occhi la realtà!

Fate ciò che vi piace. Se vi piace lo Yoga, praticate, se siete curiosi dalla meditazione, meditate. E poi ballate, cantate, dipingete, suonate, leggete, dormire, fate l’amore, parlate e ascoltate. A più non posso.

Tutto questo vi renderà liberi!

Il mondo è a nostra disposizione, già adesso ma soprattutto quando tra poco potremo uscire, abbracciarci e ricominciare!

Alberto Giacalone

Studio  Studio Salute Sì:
389.5115705 – info@fioredelrisveglio.it
Indirizzo C/o Fiore del Risveglio, Via Fermi 1, Vedano al Lambro, MB

ACCEDI ALLA PAGINA DELLO

” STUDIO SALUTE SI'”

Articoli Recenti

Eventi in programma

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi